0.00 (0 voti)

Negli ultimi mesi ho letto diversi ricettari dell'Ottocento e dei primi decenni del Novencento per la mia tesi, così oltre a studiarne le ricette mi è anche venuta voglia di provarne qualcuna.
Le ricette che mi hanno incuriosita di più sono quelle che oggi sembrano bizzarre e strampalate, ma visto che poi bisogna pure che qualcuno accetti di mangiare quello che cucino e possibilmente senza finire in ospedale dopo, ho deciso di iniziare da quelle più tranquille e non troppo strane.

Numero di persone: 1
0.00 (0 voti)

Questa versione semplificata dello strudel utilizza la pasta sfoglia, invece della tradizionale pasta sottile, ed è molto comune oltre a risultare veramente facilissima. Si può guarnire con la gelatina di albicocche o anche solo con zucchero a velo, e servire con gelato alla crema e panna.

Numero di persone: 8
Tempo: 1h
0.00 (0 voti)

Mi piacerebbe moltissimo dire che mi sono impegnata a fare un dolce con pochissimi grassi per amore di salute ma la realtà è che sono stordita e mi dimentico le cose, per cui capita che esca a prendere burro e uova per fare la pasta frolla e che torni a casa con tre buste piene di spesa e nessuna traccia di burro o uova. Questa crostata è nata proprio così, da un misto di sbadataggine e pesoculismo (no, anche se mi scordo qualcosa di essenziale al supermercato non ci torno manco morta!). 

Numero di persone: 8
Tempo: 1h 30' + 1h di riposo
crostata cioccolato e pere
0.00 (0 voti)

Questa ricetta è adattata da quella del famoso pasticcere Ernst Knam citata nella raccolta "La grande pasticceria d'Autore". Per la base di frolla ho preferito usare la ricetta super-collaudata che uso di solito mentenendo invece invariato il ripieno. La crema al cioccolato infatti è super! Se ve ne avanza consiglio di metterla in ciotoline e consumarla fredda tipo mousse.

Numero di persone: 8
ricetta torta di mele bolzano
0.00 (0 voti)

Tantissime mele e pochissimo impasto, una bella crosticina dorata all'esterno e un interno morbidissimo quasi cremoso.
La torta di mele Bolzano è molto diversa dalle classiche torte di mele, ma posso dire che è tra le più buone in assoluto.
La mia versione è leggermente rivisitata rispetto alla ricetta originale, non perché abbia voluto migliorarla ma perché la prima volta che l'ho fatta non avevo la giusta quantità di ingredienti: è venuta ottima e ho continuato a farla così laughing

Numero di persone: 6
Tempo: 1h 20'
torta ai fichi freschi, noci e arancia
0.00 (0 voti)

Oggi ho colto un po' di fichi e dopo averne ingoiato più o meno un quintale ho realizzato che forse sono ancora giovane per morire. Per evitare di continuare a mangiarli, cosa che avrei sicuramente fatto, ho deciso di usare quelli che restavano per fare una torta, perché una torta mica la mangi tutta in una volta, no? E invece sì! La torta è finita subito, ma perlomeno l'abbiamo mangiata in tre.
In aggiunta ai fichi ho usato le noci pecan, ma vanno bene anche le noci normali o altri tipi di frutta secca come nocciole e mandorle.

Numero di persone: 8
Tempo: 1h
0.00 (0 voti)

La brazadèla (o italianizzato "bracciadella") è la tipica ciambella bolognese, che tradizionalmente non ha la forma della ciambella ma una forma allungata. È un dolce dal sapore antico che si teneva anche 5-6 giorni, per poi mangiarlo secco, a fette e intinto nel vino.

Numero di persone: 8
Tempo: 1h
0.00 (0 voti)

Base di pasta brisée e ripieno di cioccolato fondente e nocciole, con decori di zucchero a velo.

Numero di persone: 8
Tempo: 2h 20'
0.00 (0 voti)

Un dolce sano e buono? Eccolo! Una frolla leggerissima, preparata con farina di farro integrale, yogurt e olio evo senza burro né uova accompagnata a un ripieno di mele, uvetta, mirtilli e noci.
Ottima per una colazione o merenda senza sensi di colpa.

Numero di persone: 10
Tempo: 2h 10'
0.00 (0 voti)

Questa è la ricetta della torta di carote tipica dell'Alto Adige (karottentorte). Molto rapida e semplice, spesso servita ricoperta di glassa bianca o di zucchero a velo.

Numero di persone: 8
Tempo: 1h 30'

Bongusta.it All Rights Reserved.